CON METROMARE LA MOBILITÀ URBANA CAMBIA VOLTO A RIMINI

52

di Alessandro Romano

Il “Metromare’’ è un sistema di trasporto di tipo Bus Rapid Transit, ovvero costituito da un tracciato in sede protetta attraversato da moderni filobus che entreranno in servizio nei mesi autunnali, capaci di permettere il collegamento su gomma tra la stazione di Rimini e quella di Riccione in soli 23 minuti.

La linea di trasporto pubblico del “Metromare” offre tempi ridotti rispetto agli attuali collegamenti di linea del Trasporto Pubblico Locale, che impiegano tra i 45 e i 60 minuti di percorrenza. La tratta è lunga 9,8 km e corre in affiancamento alla linea ferroviaria Adriatica.

Essa vede tratti sia a doppia corsia che a singola via di corsa, variando la larghezza della carreggiata tra i 4,20 metri in singola corsia e i 7,30 metri in doppia via di corsa. Sono 15 le fermate intermedie e 2 i capolinea situati presso le stazioni ferroviarie di Rimini e di Riccione.

I lavori di costruzione dell’infrastruttura sono stati completati nel 2017 e sono stati caratterizzati da importanti interventi, capaci di riqualificare il tessuto urbano; da segnalare la realizzazione di 4 nuovi sottopassi carrabili in sostituzione dei passaggi a livello della linea ferroviaria adriatica, 3 nuovi sottopassi ciclo-pedonali, 9 ristrutturazioni con prolungamento di sottopassi ciclo-pedonali, 9 sottovia per lo scavalcamento delle direttrici viarie trasversali alla via di corsa, 2 ponti per l’attraversamento di corsi d’acqua e 7 ponticelli scatolari per lo scavalcamento di piccoli torrenti e fossi consortili.

Da menzionare, inoltre, sono gli interventi architettonici realizzati alle fermate poste nel territorio comunale di Rimini, capaci di renderle opere di particolare pregio architettonico grazie alla realizzazione di pensiline ad onde e all’uso sapiente dei colori in totale armonia con il parco del Mare, il moderno lungomare di Rimini in corso di realizzazione.

Le fermate sono tutte videosorvegliate e dotate di sistemi di informazione audio e video, oltre che essere accessibili da chiunque grazie all’abbattimento delle barriere architettoniche. Una congrua altezza dei marciapiedi delle fermate consente un’agevole entrata ed uscita sia per i soggetti con ridotta mobilità sia per le persone munite di valigie o passeggini.

Inoltre, è da menzionare la presenza in tutte le fermate di colonnine SOS che consentono il collegamento audio con il posto centrale di controllo. Nelle due stazioni di capolinea sono presenti due emettittrici automatiche di titoli di viaggio del gestore del servizio, l’azienda del trasporto pubblico romagnolo START Romagna. Sul tracciato la tecnologia la fa da padrone con un posto centrale di controllo che monitora ogni singolo mezzo, che vede ben 98 telecamere al servizio della sicurezza ed un impianto di segnalamento di tipo tranviario, che fanno del Metromare un unicum a livello di infrastruttura nazionale, se non europeo.

L’apertura al pubblico è avvenuta lo scorso 23 novembre 2019 con l’uso di mezzi provvisori ad alimentazione ibrido-elettrica da 18 metri e a metano da 12 metri, capaci di permettere una frequenza del servizio ogni 20 minuti tutti i giorni dalle ore 06:30 alle 21:00 con prolungamenti negli orari notturni durante il periodo delle festività natalizie. Il periodo sperimentale si è interrotto lo scorso 22 marzo a seguito dell’emergenza sanitaria Covid 19 per poi riprendere il 25 luglio scorso, vedendo l’operatività sempre con mezzi autosnodati, una frequenza ogni 20 minuti del servizio tutti i giorni dalle ore 06:30 alle ore 02:00 e pellicolati da speciali grafiche dedicate alla destinazione Romagna – “In Romagna col sorriso” e “Cinema Romagna”, all’offerta dei parchi tematici e allo stesso servizio Metromare.

Il “Metromare” nel suo tracciato effettua fermate presso 3 stazioni ferroviarie; infatti, oltre alle stazioni di Rimini e Riccione, si ferma anche presso quella di Rimini Miramare nonché in prossimità dell’aeroporto “Fellini” di Miramare. Sono in corso le prove finalizzate al collaudo dei mezzi definitivi, i nuovi filobus full electric da 18 metri, capaci di offrire ognuno 142 posti di cui 35 a sedere, punti ricarica per i dispositivi di telefonia mobile mediante presa USB e la possibilità di portare bici a bordo.

I filobus, al di fuori del tracciato, si muoveranno sempre a trazione elettrica, grazie alle batterie che consentono un’autonomia di 15 km, garantendo i trasferimenti dal deposito alla sede della infrastruttura con emissioni zero, senza necessità di alimentazione elettrica da linea di contatto.

Il “Metromare”, oltre ad essere intervenuto nella riqualificazione in diverse aree del tessuto urbano, ha reso possibile un ridisegno della mobilità, garantendo intermodalità in diverse fermate lungo il tracciato, presentando propri punti di interscambio con diverse linee del Trasporto pubblico locale. Nel medio lungo periodo si persegue come ambizioso obiettivo un ulteriore ridisegno della mobilità finalizzato ad un incremento di linee di trasporto pubblico locale sempre più vicine alle fermate del tracciato.

Lungo quest’ultimo sono presenti diversi parcheggi scambiatori attigui a diverse fermate, come Rimini Station o Porto a Riccione. In una fase successiva, è previsto altresì che questo tipo di sistema raggiunga in direzione nord la Fiera di Rimini, per il quale è già stato preventivato un finanziamento di 49 milioni di euro da parte del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, e verso sud la località balneare di Cattolica.

Il collegamento tra Rimini Fs e Rimini Fiera costituisce un’ importante occasione non solo per l’ offerta legata alla mobilità per il polo fieristico, ma anche per i cittadini di diverse zone del capoluogo di provincia: come la zona Celle, dove l’infrastruttura sarà a tale scopo realizzata. Il tracciato vedrà le medesime caratteristiche del primo tratto tra Rimini e Riccione, quali l’uso di filobus full electric che verranno ulteriormente acquistati per 6 unità in sede protetta con gestione di impianto di regolamentazione della circolazione di tipo tranviario.

La lunghezza totale della tratta è pari a 4,2 km con intero tracciato in singola corsia con una larghezza a 4,50 metri con doppia corsia solo in fermata, con tempi di percorrenza pari a 16 minuti e la presenza sul tracciato di 12 fermate più 2 capolinea posti a Rimini Fiera e presso l’esistente a Rimini Stazione.

È prevista anche la realizzazione di 3 sottopassi ed un ponte. La frequenza è comune a quella della messa a regime della prima tratta, ovvero un passaggio di un mezzo ogni 10 minuti ed una possibilità di rafforzarla ogni 7,5 minuti. La tratta Rimini Fs-Fiera potrebbe essere oggetto in futuro di un prolungamento finalizzato a creare un hub intermodale nei pressi della stazione di Santarcangelo di Romagna connettendola con Rimini in tempi celeri grazie al Metromare.

In definitiva, il Metromare costituisce un’importante occasione per un riassetto degli spazi urbani, della mobilità delle persone e dei collegamenti del trasporto pubblico locale, ponendosi così come valida alternativa al mezzo privato nonché parte di una strategia finalizzata ad attuare un moderno sistema di mobilità basato sulla intermodalità tra diversi mezzi di trasporto.

A cambiare volto, anche grazie al decisivo contributo del Metromare, sarà in ultima analisi proprio la città di Rimini che, anche a seguito di poderosi interventi di riqualificazione urbana messi in campo dall’amministrazione comunale, si appresta a divenire un centro sempre più ecosostenibile e all’avanguardia nell’intero panorama nazionale.